Entrevistan a Umberto Eco y Fernando Báez sobre la censura en Italia

En tres páginas puede leerse la entrevista que le hizo da Alberto Riva titulada Il memoricidio è in agguato dal Medioevo all'Iraq, en la prestigiosa revista italiana "Il Venerdì di Repubblica". Linda nota donde aparece junto con el maestro Umberto Eco.
Hay un único dato inexacto porque Fernando Báez fue Director de la Biblioteca Nacional de Venezuela entre abril y octubre de 2008, hoy en día labura con la Unión Europea.
Aquí va parte del texto y enlace:


Voltandoci improvvisamente a guardare il nostro passato, potremmo vederlo avvolto nell'immensa fiammata che ha ingoiato non solo uomini e civiltà, ma anche biblioteche e libri. Sono delitti che il venezuelano Fernando Bàez chiama memoricidi e talvolta bibliocausti, con un termine che subito evoca i roghi nazisti. E non sono solo inchiodati nelle pagine della Storia ma tornano anche in quelle della cronaca, coem testomioniano il saccheggio della Biblioteca nazionale di Baghdad nel 2003 o il bombardamento di quella di Sarajevo nel 1992, cannoneggiata per tre giorni e tre notti dai serbi.
Bàez, un po' biblioteconomo un po' Indiana Jones libresco, non distingue tra passato e rpesente, va alla ricerca dei patrimoni culturali perduti, avvista quelli in pericolo, setaccia archivi, esamina papiri dal bordo bruciato, individua indizi e piste, redige cataloghi. Ed è instancabile. Una parte del suo titanico lavoro la si può leggere in La storia universale della distruzione dei libri. Dalle tavolette sumere alla guerra in Iraq, tradotto in 17 lingue e pubblicato in Italia dall'editore Viella. Nel 2002 aveva scritto un saggio sull'incendio della biblioteca di Alessandria e, più recentemente, ne ha dedicato un altro al saccheggio culturale dell'Iraq. [...]
Anche leggendo il suo libro si capisce che nessuna epoca ha risparmiato la furia contro i libri. Perché?
'Basta leggere il sesto capitolo della seconda parte del Don Chisciotte. C'è una scena in cui un chierico e un barbiere si introducono nella biblioteca di Alonso Quijano mentre costui dorme e gli rubano un centinaio di libri. Quest'uomo era diventato pazzo a furia di leggere romanzi cavallereschi. Quel genio di Cervantes aveva capito che i libri vengono distrutti per l'effetto che producono nella vita della gente. I censori credono erroneamente che eliminandoli si possa, nello stesso modo, cancellare l'effetto che hanno esercitato sull'identità delle persone. Il memoricidio è stato perpetrato nella Storia come tentativo di dominare gli individui e la società. Esiste un potere simbolico dei libri e delle biblioteche: li si distrugge tentando di sostituirli con altri testi. Paradossalmente, quelli che distruggono i libri altrui considerano i propri intoccabili'.
Lei racconta di come i monaci cancellassero Cicerone per trascrivere sant'Agostino: la guerra tra il sapere laico e quello religioso viene da molto lontano ...
'Certo, è il fenomeno del palinsesto, frequente tra Medioevo e Rinascimento. Con un procedimento particolare, si cancellava la pergamena e si riscriveva sopra. Ed è buffo, perché poi, grazie a moderne tecnologie di restauro, abbiamo potuto rileggere gli originali. Nel caso di Cicerone, parliamo di un testo che si rifaceva a uno dei dialoghi perduti di Aristotele'.
Quale è stato il più grande massacro di libri che si ricordi nell'epoca moderna e da cosa fu causato?
'Da motivi religiosi. Parlo della purga dei libri perpetrata in Inghilterra tra il 1536 e il 1540, per ordine di Enrico VIII. Nel 1550 poi, i seguaci di Edoardo VI rubarono e bruciarono i libri della biblioteca dell'Università di Oxford'.
In mezzo a tanto fuoco, si ha notizia di libri che non sono giunti fino a noi?
'Certo. Esistono moltissimi testi desaparecidos. I cataloghi che ci giungono dalla Mesopotamia testimoniano l'esistenza di numerosi poemi, come quelli di Gilgamesh, mai arrivati a noi. I cataloghi di autori come Sofocle indicano che si è perso il novanta per cento della sua opera. Anche l'Origine della specie di Charles Darwin ha rischiato di sparire: per le idee che esprimeva è stata l'opera più perseguitata a cavallo di XIX e XX secolo. Ancora oggi, negli USA, ci sono biblioteche che la tengono nascosta'.
Al tempo della guerra d'indipendenza messicana i libri furono usati per fabbricare munizioni. Un caso paraddossale?
'Nella maggior parte dei casi, i libri vengono distrutti per ragioni morali o politiche. Nel 1861, sempre in Messico, i frati, temendo il decreto di espropriazione dei beni ecclesiastici, tentarono, senza successo, di difendere decine di monasteri, le cui biblioteche furono saccheggiate e distrutte. Ma abbiamo anche il caso di un personaggio dimenticato, Anthony Comstock che nel 1873 ideò la Società newyorkese pe rl'eliminazioen del vizio: fece distrugegre 120 tonnellate di libri, soprattutto romanzi, che giudicava immorali. La voglia di censura viene da lontano. L'imperatore cinese Shi Huan Di decretò la distruzione di tutti i libri che avevano preceduto la sua nascita. Ci fu chi memorizzò i trattati classici per evitare che si perdessero. Un po' come nel meraviglioso romanzo di Ray Bradbury, Fahrenheit 451'.
Anche nel corso di guerre fratricide, come tra inglesi e americani, è successo di tutto. Non è strano?
'Furono azioni di guerra. Nel 1813 gli americani presero il Canada e New York e bruciarono la biblioteca legislativa. Un anno dopo gli inglesi appiccarono il fuoco alla Biblioteca del Congresso di Washington. Thomas Jefferson offrì la sua e ne ricavò del denaro, non senza polemiche. Da quella transazione nasce l'odierna Biblioteca del Congresso. Durante la Rivoluzione francese, molti volumi bruciarono nei saccheggi delle abbazie tra il 1793 e il 1794. Niente di peggio, per i libri, delle rivoluzioni fuori controllo'.
Nel suo libro si fa cenno anche ad alcuni valorosi, come i monaci irlandesi, che si dedicarono alla salvaguardia dei testi.
'Non furono i soli. Prendiamo santa Wilborada, patrona dei bibliofili. Era il 925 e i barbari attaccarono il monastero di san Gallo. Quando presero a distruggere i libri, lei li nascose sottoterra e non ne rivelò il nascondiglio, a prezzo della vita. Fu assassinata proprio sopra i libri interrati. La sua storia è raccontata dalla scrittrice argentina Carina Maguregui nel suo libro Vivere ardendo. E in Pakistan, per dirne un'altra, tra le montagne di Chiltan, un gruppo di servitori della comunità di Quetta custodisce dentro 56 tunnel un cimitero di edizioni del Corano, nascoste dentro borse sotterrate'.
Il libro elettronico può essere oggi l'antidoto contro la furia censoria e futuri roghi?
'Viviamo in un'epoca interessante ma pericolosa. Le forme dic ensura del XXI secolo sono sottili. Siamo diventati 'tecnologici' e raramente asistiamo a roghi. Ma per molti aspetti oggi siamo anche più vulnerabili'."
(da Alberto Riva, Il memoricidio è in agguato dal Medioevo all'Iraq, "Il Venerdì di Repubblica", 25/06/'10)


Enlace:
http://newrassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=search¤tArticle=SGXAV

Comments

Anonymous said…
Podés traducir la entrevista?

Carlitos, Río Negro
gerardo said…
estoy leyendo el saqueo y es una maravilla
el libro es caro,pero vale mi
Anonymous said…
[B][URL=http://www.thomassabosale.de]Thomas Sabo[/URL][/B] [B]Thomas Sabo charms[/B] [U]Thomas Sabo onlineshop[/U] [B]masai shoes[/B] [U]swiss masai[/U] [B][URL=http://www.mbtschuheoutlet.de]masai barefoot[/URL][/B]

[B]Thomas Sabo schmuck[/B] [B][URL=http://www.thomassabosale.de]Thomas Sabo[/URL][/B] [U]Thomas Sabo onlineshop[/U] abercrombie [B]mtb masai[/B] [B][URL=http://www.mbtschuheoutlet.de]mbt schuhe[/URL][/B] [U]masai barefoot[/U] vibram five fingers Performa [B]Thomas Sabo charms[/B] [B][URL=http://www.salethomassabo.com]Thomas Sabo[/URL][/B] [U]Thomas Sabo schmuck[/U] masai schuhe [B]vibram five fingers sprint[/B] [B][URL=http://www.vibramfivefingersshop.de]fivefingers[/URL][/B] [U]fivefingers[/U] Thomas Sabo onlineshop [B]abercrombie and fitch[/B] [B][URL=http://www.abercrombieonsale.de]abercormbie fitch[/URL][/B] [U]abercormbie & fitch[/U]

[B]abercormbie fitch[/B] [U]abercrombie[/U] [B][URL=http://www.abercrombieonsale.de]abercormbie & fitch[/URL][/B] [B][URL=http://www.mbtschuheoutlet.de]mbt[/URL][/B] [B]masai shoes[/B] [U]masai barefoot[/U] [B][URL=http://www.thomassabosale.de]Thomas Sabo[/URL][/B] [B]Thomas Sabo[/B] [U]Thomas Sabo schmuck[/U] [B]mtb masai[/B] [U]mbt[/U] [B][URL=http://www.mbtschuheoutlet.de]mbt schuhe[/URL][/B]
Anonymous said…
Trying to find an innovative and lucrative [B][URL=http://www.tiffanysfree.com]tiffany earrings[/URL][/B] business? A business on sterling silver jewelries may just be the one you are [U][B]tiffany charms[/U][/B] looking for. It's never that too difficult to find reasonably priced Tiffany wholesale jewelry to get you [U][B]pandora[/U][/B] started on your way to being financially independent. The Internet is actually a good place [B]pandora jewellery[/B] to start. You virtually spend nothing to find the supplier you are seeking. No need to be technically knowledgeable to find [U]tiffany earrings][/U] your valuable information, a simple understanding of how to operate the computer and use a reliable search [B]tiffany engagement rings[/B] engine is all you need.

Once you find your tiffany wholesale supplier, your quest [U][B]pandora[/U][/B] doesn't end there. You need to understand jewelry selling basics and selecting the styles that are most appropriate [B]tiffany necklaces[/B] for your niche market as well as having the eye for designs that will [U]tiffany pendants][/U] most likely sell. You must also learn the tricks of finding out which jewelry pieces are [B]pandora beads[/B] of superior quality. There are an abundant source of suppliers for Tiffany wholesale jewelry, you just need [B][URL=http://www.pandoraforyou.com]pandora[/URL][/B] to have that discriminating taste in ensuring you get to the best source. In this business, if you start with low quality [U]tiffany pendants][/U] pieces, your business will suffer.

The key to a profitable and lucrative business is to build a [U][B]pandora bracelet[/U][/B] large customer base. In order for you to get customers to comeback you must be [B][URL=http://www.tiffanysfree.com]tiffany necklaces[/URL][/B] able to please them with the quality of your items as well as the attractiveness of your designs. Always find unique [U][B]tiffany bracelets[/U][/B] and stylish designs, you wouldn't want to sell everybody else is selling. If your pieces are just ok and plain you may have difficulty [U][B]tiffany uk[/U][/B] keeping faithful customers. Aside from having quality merchandise you [U][B]pandora beads[/U][/B] also should be pricing them reasonably, not too expensive but not too cheap. Always make [B]tiffany rings[/B] your customers feel special in finding the best priced jewelries they [U][B]tiffany sets[/U][/B] can find.


Finally you will have to decide how you want to sell [B]tiffany[/B] your items. E-commerce is of course very interesting but then in-store is also great [U][B]pandora beads[/U][/B] because nothing can beat the appeal of seeing the Tiffany jewelry pieces in person. It basically ends [U][B]tiffany sets[/U][/B] with how much you can invest in the business e-commerce will be favorable if you want to cut [U]pandora bracelets[/U] down on overhead expenses. On the other hand in-store selling may just make up for expenses of maintaining a [U]tiffany][/U] showroom because customer find tangible [B]pandora beads[/B] stores are easier to trust.

Popular posts from this blog

Todo sobre Fernando Baez

El saqueo cultural de América Latina llega a Uruguay

El saqueo cultural de América Latina es ya un best seller en Argentina